“Cosa facciamo? Dove sono tutti?” Alyah guardò con gli occhi sbarrati Altea.
Dove era la grotta? Come avevano fatto ad uscire se non c’era più? Altea si sentiva la mente annebbiata e i movimenti goffi e lenti. Guardò la giovane sacerdotessa che toccava la parete di roccia cercando di capire che magia le avesse trasportate lì. I vestiti erano sporchi e bagnati. I capelli arruffati. Erano sfinite.
Alyah si fermò e voltandosi rimase a bocca aperta. Non aveva notato subito il prato pieno di fiori sconosciuti. Così luminosi sotto il sole che stava tramontando dietro ai monti.
Si lasciò scivolare a terra sull’erba umida. Altea le si avvicinò e si sedette anche lei ad osservare quello spettacolo. I raggi del sole si riflettevano sui petali rinfrangendosi nei colori dell’arcobaleno. Non sembravano fiori reali. Forse era un sogno?
Di colpo i loro occhi si fecero pesanti, non riuscirono a resistere e si addormentarono.

– Altea! Altea! –
– Alyah! Ma cos’hanno! Rispondete! Altea! Alyah! –
Le ragazze a fatica riaprirono gli occhi e videro i volti preoccupati dei guerrieri.
– Meno male! – sospirò Aron vedendole destarsi. Aiutò Altea a mettersi a sedere e istintivamente le accarezzò i rossi capelli.
– Cosa è successo? – chiese Altea.
– Non lo sappiamo. Vi abbiamo visto uscire davanti a noi, e quando vi abbiamo raggiunto eravate scomparse. Vi abbiamo cercato per tutta la notte, poi esausti siamo tornati qui. E vi abbiamo trovate addormentate! – spiegò Kahel.
Alyah si guardò attorno. Quello non era il luogo dove lei e Altea erano uscite. Che senso aveva quello che le era accaduto?
Altea non volle perder tempo a pensare a ciò. Ordinò a tutti di mettersi in cammino. Il nemico li stava ancora pedinando, non potevano perdere tempo.
Emantus sapeva cos’era successo.
Non voleva però parlarne con le due fanciulle.
Poi non era tanto sicuro di quella leggenda, non voleva spaventarle inutilmente.
Si voltò un’ultima volta per osservare la grotta.
Poi guardò i capelli mossi dal vento della sorellina della sua Esperia.
No. Non ci doveva pensare.
Se la leggenda diceva la verità…
Guardò i rossi capelli scompigliati di Altea…
Se era vero loro due sarebbero morte.

Annunci