Coi vestiti asciutti ed abbastanza riposati i guerrieri ripresero il cammino.
Il cielo si era nuovamente oscurato ed un nuovo temporale stava per avvolgerli.
Le cime dei monti svanivano nascoste dalle nubi.
Sicuramente lassù stava nevicando.
Alyah ebbe un brivido. Si voltò a fissare gli alberi.
Una strana sensazione l’avvolse ma non riuscì a definirla. Tornò a guardare la strada davanti a sé.

Si fermarono a consultare la cartina.
Avevano scelto il passo più basso della catena da attraversare. Sarebbe stato meno complicato, visto quanto erano stremati, almeno così sperava Altea.
Purtroppo dietro loro un gruppo di guardie nemiche li stava raggiungendo a passo spedito, guidate da un cane ululante.
Danae, appostata di vedetta, se ne accorse e galoppò verso Altea per avvisare i compagni.
Salirono sui loro cavalli ed iniziarono a correre verso i monti, iniziando così la salita.
Altea era rimasta indietro rispetto ai suoi guerrieri per esaminare meglio la direzione da prendere e dare indicazioni.
Un’avanguardia nemica la notò e scoccò dal proprio arco una delle sue frecce.
Kahel si mise tra la freccia e il suo comandante, rimanendo così ferito nella parte scoperta dall’armatura, vicino alla spalla.
Il gruppo iniziò una folle corsa spingendo al massimo le capacità dei loro destrieri nell’arrampicarsi sul quel terreno instabile.
Uno scontro frontale col nemico sarebbe stata la loro fine.
Riuscirono, grazie ad una improvvisa bufera di neve, ad ottenere un ottimo distacco.
Proprio quando stavano per rallentare il passo  Kahel cadde a terra.

Annunci