17lastella

Perché la gente ha rinunciato a sperare. E dimentica i propri sogni. Così il Nulla dilaga

Peli – 48 – Sephirot

– Sephirot è il mio nome –
Non riusciva ad addormentarsi. Osservò per un poco il temporale.
Si avvolse in uno scialle che aveva trovato nell’immenso armadio.
Si sedette davanti al camino.
Mentre dormiva qualche domestico doveva essersi preoccupato di tenerlo acceso.
Ripensò al sogno. Dettaglio per dettaglio.
Ogni volta che ripeteva il suo nome le mani si scaldavano e percepiva un formicolio sotto le spalle.
Doveva ricordare qualcosa di importante. Lo sentiva dentro di se. Ma la sua mente era ancora chiusa, ostile.
E il nome inciso sul medaglione? Era quello di sua madre?
Dove si trovava quel posto meraviglioso del sogno? In quale terra?
Aveva troppe domande e la testa confusa.
Non si accorse del tempo trascorso e si stupì quando bussarono alla porta per avvisarla che la colazione era stata servita.

Sephirot si fece aiutare dalla cameriera a vestirsi e lasciò che la pettinasse.
Come in uno stato di trance scese le scale e trovò Lucipher e il Saggio che l’attendevano.
– Buongiorno Angel – sorrise Lucipher.
– Il mio nome … il mio nome è Sephirot –

redhead-fantasy

 

– Dunque, cara mia, hai ricordato il tuo vero nome – il Saggio bevve un sorso di the – Ne sono felice, il risveglio sta procedendo velocemente –
– Quel luogo che ho sognato. Non ho visto nulla di familiare qui fino ad ora. Anche la casa. Persino il modo di vestire è completamente diverso –
– Non conosco i luoghi che hai descritto. Ma se quello che dicono le profezie è vero, tu mia dolce fanciulla, provieni dalle stelle-
Sephirot rimase senza parole con la tazza sospesa a mezz’aria.
Stranamente ciò che le aveva detto il Saggio non le sembrava assurdo. No. E questo la spaventò.

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Peli – 48 – Sephirot

  1. Come una goccia scava la roccia, le tue puntate suscitano curiosità per conoscere Sephirot e la sua storia.

tiZ On the trAin

(perché un pendolare napoletano sa quando parte, ma non sa quando arriva)

Esco dal Mio Corpo (e ho molta paura)

Blog semi serio di un ciccione che vuole riappropriarsi del proprio corpo.

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Ironiaprimaditutto

ma anche un caffè non sarebbe male _____________just another wordpress.com site lo dici a soreta

Health Sources

Health , Beauty and Food

A Tourist Abroad

Hit the road! Pronti per viaggiare?

mammagisella

Diario virtuale di una tri-mamma abbastanza normale

Armonia del Corpo e della Mente

benessere del corpo e dell'anima

pattykor122's Blog

mai dire mai

mypersonalspoonriverblog®

non al denaro, non all'amore, né al cielo

Astragal

I don't know where I'm going...

Un motivo al giorno per svegliarsi di buonumore

Fin dai tempi delle scuole medie, ho adottato un modo di alzarmi da letto la mattina senza che il peso del risveglio mi annientasse. Si tratta di una cosa semplicissima: come prima cosa al risveglio, penso a qualcosa di positivo che mi attende per la giornata. Niente di impegnativo, il pensiero può anche essere banale, ciò che conta è che mi dia il buonumore! Ho pensato di raccogliere i miei pensieri giornalieri in questo blog, un piccolo riassunto di piccole cose belle, a cui magari attingere nei periodi di affanno…

My Alethεiα

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

PointofView

by Riccardo Moschetti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: