Peli – 42 – Draghi

– Mullin questo è il tuo primo giro di ricognizione. Oggi verrai valutato in base al tuo comportamento – disse Top picchiando con affetto la spalla di Mullin.
Lui gli sorrise raggiante.

Un urlo.

Top e Mullin alzarono lo sguardo al cielo e riconobbero Haziel che teneva tra le braccia una fanciulla scalciante.
Atterrò al centro della piazza e lanciò a terra Angel.
Lei si sollevò a fatica.
– Tu. Maledetta! E’ colpa tua! – Haziel alzò il braccio per colpirla sotto gli occhi atterriti della folla.

Mullin si fece largo tra le persone e riuscì a pararsi davanti ad Angel prima che Haziel la colpisse.
Riuscì a bloccare il colpo del capitano col proprio braccio.

– Nooo – Mullin riconobbe la voce della sorella sollevarsi dalla folla. Non si voltò a cercarla. Mantenne lo sguardo fisso sul suo avversario. Il suo capitano.
Top con due falcate fu accanto al ragazzo.
– Che ti prende Haziel? E’ una ragazza! –
– Lei. Tu non capisci è lei! –
A quel punto sguainò la spada.
Top e Mullin impallidirono.
– Haziel, ragiona ti prego. Che stai facendo?- Top era allibito dalla reazione del suo amico. Sembrava del tutto impazzito.
– Spostati o ferirò anche te. Lei è peggio di un demone. Non è un drago e non è umana.
Senti il suo odore! –
Top annusò l’aria. Vero. Non profumava di drago e nemmeno di umana. La sua esitazione fu impercettibile ma Haziel la colse.
– Spostati – e lo spinse da parte.
Mullin rimase davanti ad Angel.
– No! Mullin No! – Angel si era alzata e si era messa accanto a Mullin.
– No Angel no. Tu non hai fatto nulla di male … tu —
– No va bene così. – Angel si voltò verso Haziel – Avanti colpisci – e spalancò le braccia- Facciamola finita. Non ne posso più –

Hazie alzò il braccio. Angel chiuse gli occhi.
Un folata di vento.
Uno sbatter d’ali.
– Tu – Haziel abbassò la spada.
– Non le fare del male –
Angel aprì gli occhi nello stesso momento in cui due ali nere l’avvolgevano.
– Lucipher … tu – Haziel lasciò cadere a terra la spada. Svuotato da ogni ira.
– Questa fanciulla è sotto la mia protezione – disse il Saggio camminando tra la folla che si apriva al suo passaggio.

Advertisements

3 pensieri su “Peli – 42 – Draghi

I commenti sono chiusi.