Peli – 38 – Draghi

– Non Parla. Sta seduta composta, schiena dritta e fissa fuori dalla finestra. Sguardo vitreo – Garuda parlava sottovoce col fratello incontrato al mercato. Mullin era ritornato in caserma.
– Mangia? –
– Mamma riesce a darle da bere. Almeno quello –
– Lo devo dire. Ora non posso più tacere. –
Garuda abbassò lo sguardo. Le vennero le lacrime agli occhi. Comprendeva la situazione del fratello e anche la propria. Ormai stavano per entrare nella società a tutti gli effetti. Sarebbero diventati adulti. Compromettersi ora significava rovinare la vita all’intera famiglia.
– Garuda, ascoltami. Dagon è amico di Lucipher. Prima di parlare con chiunque ho intenzione di discuterne con lui. Se è lei è la ragazza incontrata da Lucipher la porteranno dal Saggio. –
– E lui che le farà? Che le accadrà? –
– Non lo so. Ma credo sia meglio incontrare lui che le autorità. Se lui decide di proteggerla, come ha fatto con Lucipher, nessuno potrà intervenire –

Advertisements

Un pensiero su “Peli – 38 – Draghi

I commenti sono chiusi.