17lastella

Perché la gente ha rinunciato a sperare. E dimentica i propri sogni. Così il Nulla dilaga

Peli – 38 – Draghi

– Non Parla. Sta seduta composta, schiena dritta e fissa fuori dalla finestra. Sguardo vitreo – Garuda parlava sottovoce col fratello incontrato al mercato. Mullin era ritornato in caserma.
– Mangia? –
– Mamma riesce a darle da bere. Almeno quello –
– Lo devo dire. Ora non posso più tacere. –
Garuda abbassò lo sguardo. Le vennero le lacrime agli occhi. Comprendeva la situazione del fratello e anche la propria. Ormai stavano per entrare nella società a tutti gli effetti. Sarebbero diventati adulti. Compromettersi ora significava rovinare la vita all’intera famiglia.
– Garuda, ascoltami. Dagon è amico di Lucipher. Prima di parlare con chiunque ho intenzione di discuterne con lui. Se è lei è la ragazza incontrata da Lucipher la porteranno dal Saggio. –
– E lui che le farà? Che le accadrà? –
– Non lo so. Ma credo sia meglio incontrare lui che le autorità. Se lui decide di proteggerla, come ha fatto con Lucipher, nessuno potrà intervenire –

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Peli – 38 – Draghi

  1. Stanno escogitando una soluzione per Angel. Funzionerà?

tiZ On the trAin

(perché un pendolare napoletano sa quando parte, ma non sa quando arriva)

Esco dal Mio Corpo (e ho molta paura)

Blog semi serio di un ciccione che vuole riappropriarsi del proprio corpo.

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Ironiaprimaditutto

ma anche un caffè non sarebbe male _____________just another wordpress.com site lo dici a soreta

Health Sources

Health , Beauty and Food

A Tourist Abroad

Hit the road! Pronti per viaggiare?

mammagisella

Diario virtuale di una tri-mamma abbastanza normale

Armonia del Corpo e della Mente

benessere, natura e psicosomatica

pattykor122's Blog

mai dire mai

mypersonalspoonriverblog®

non al denaro, non all'amore, né al cielo

Astragal

I don't know where I'm going...

Un motivo al giorno per svegliarsi di buonumore

Fin dai tempi delle scuole medie, ho adottato un modo di alzarmi da letto la mattina senza che il peso del risveglio mi annientasse. Si tratta di una cosa semplicissima: come prima cosa al risveglio, penso a qualcosa di positivo che mi attende per la giornata. Niente di impegnativo, il pensiero può anche essere banale, ciò che conta è che mi dia il buonumore! Ho pensato di raccogliere i miei pensieri giornalieri in questo blog, un piccolo riassunto di piccole cose belle, a cui magari attingere nei periodi di affanno…

My Alethεiα

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

PointofView

by Riccardo Moschetti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: