Peli – 36 – Angel

Profumo di lavanda.
Una dolce nenia. Un ritmo costante e tranquillizzante.
Luce soffusa.
Prati in fiore.
Sono seduta sulla sponda di un fiume. Le acque hanno il colore dell’arcobaleno.
Vorrei stare lì per sempre. Sto così bene.
Una mano sulla spalla. Un gesto delicato.
Mi volto e una donna dai capelli rossi mi sorride.
Il suo viso mi è familiare. Ha gli occhi verdi come i miei.
“Piccola mia, che fai qui?”
Non so rispondere. Sto cercando di ricordare. La sua voce mi causa una fitta al cuore.
Io voglio bene a questa donna. Molto. E mi manca. Tantissimo.
“Piccola mia non ricordi? Hai scelto di compiere la tua missione su quel pianeta. Cosa ti è successo? Non ricordi più chi sei?”
Chi sono?
Ho scelto io di venire qui?
Abbasso lo sguardo sulle mie mani e vedo che stringo una piuma.
Una grande piuma rossa, con un occhio giallo.
Una piuma che al tatto scotta.
Una piuma che prende fuoco.
Urlo.

400_F_38480369_G1Ctb92BLK2LvOuAbT0R0AgDQgy45FsC