Peli – 21 – Draghi

Angel si era rannicchiata vicino a lui e stava lentamente sprofondando nel sonno.
– Quanti anni hai? – le chiese.
– Credo quindici – disse con la voce impastata – Dolores mi ha detto che ho più o meno quell’età –
Parlò di lei come se fosse ancora viva, Lucipher non disse nulla.
– Non ricordi proprio niente del tuo passato?
– No. Magari non l’ho nemmeno avuto un passato. Forse ho iniziato ad esistere nello momento stesso in cui Dolores mi ha trovato nel bosco.
Alzò la mano e accarezzò nuovamente l’ala. Lucipher fu colto alla sprovvista e rimase senza fiato.
– Comode –
– Cosa? – era totalmente perso nelle sensazioni da non aver udito nulla.
– Comode le ali. Deve esser meraviglioso volare. Sentire l’aria sul viso e vedere il mondo da lassù. Mi piacerebbe averle, almeno avrei una casa dove stare-
In quel momento Lucipher si immaginò di portarla via con se, nella sua isola. Ma poi scartò quell’idea. Troppo pericolosa. Gli umani l’avevano accolta a braccia aperte e si erano occupati di lei. L’avrebbero rifatto. Con loro era al sicuro.
– Vedrai che al villaggio ti troverai bene – le accarezzò i capelli. Angel si lasciò andare e appoggiò la testa al suo petto. Lucipher la cinse dolcemente. Adagiò la propria fronte alla nuca di lei e si assopì.
Avrebbe tanto voluto restare così per sempre.
Senza guerra. Senza doveri. Senza responsabilità.

angel_sanctuary_1024_015

***

Indice Racconto

Annunci

4 pensieri su “Peli – 21 – Draghi

I commenti sono chiusi.