17lastella

Perché la gente ha rinunciato a sperare. E dimentica i propri sogni. Così il Nulla dilaga

Peli – 2 – Draghi

– Ehi Top! Mi hanno detto che ti hanno affidato una truppa di soldatini
-Si amico mio, e sono uno più scalmanato dell’altro!
-Hai poi deciso se partecipare alla battaglia per diventare il nuovo capitano?
– No Haziel, non ci andrò. Preferisco occuparmi dell’educazione dei nuovi soldati. Poi tutti sanno che i favoriti siete tu e Lucipher, non posso competere con voi! –  rise
Haziel invece si fermò pensieroso e alzò lo sguardo verso il cielo. Ormai si stava facendo sera.
I suoi occhi fissavano le nuvole senza vederle realmente, pensava all’amico rivale Lucipher.
Mosse nervosamente le sue ali grigioperlate per scacciare i pensieri.
Si accorse solo in quel momento che Top stava ridendo e parlando con un altro soldato. Lo riconobbe subito anche se gli dava le spalle. Due grandi ali nere gli coprivano la schiena come un mantello. I capelli corvini legati in una corta coda.
Haziel si avvicinò e gli posò una mano sulla spalla.
– Lucipher! Stavo proprio pensando a te.
– Perchè ho combinato nuovamente qualche danno? – i suoi grandi occhi azzurri si illuminarono.
– No. E mi stupisco.
Scoppiarono tutti e tre in una sonora risata. Haziel e Lucipher fin da piccoli erano in competizione tra loro, nonostante i continui litigi e gli scherzi erano rimasti ottimi amici.

blackd10

– Salve!
Tutti i soldati si misero in riga portando la mano al cuore e salutando il loro Generale, seguito dal capitano Dagon.
-Riposo soldati – disse Focalor. Era un drago molto robusto, sguardo severo, occhi gialli sempre attenti a cogliere il minimo particolare. Le sue ali grigie portavano numerose cicatrici, segni di battaglie passate.
Dagon non ricopriva solo il ruolo di capitano, era anche il suo braccio destro. Amato dal popolo per via della sua generosità ed onestà. Uno dei pochi draghi con ali verdi rimasti. I suoi capelli castano scuro erano tagliati cortissimi e facevano risaltare in modo accentuato i perfetti lineamenti del viso e gli occhi verde acqua, tanto osannati dalle fanciulle.

Lucipher e Dagon erano ottimi amici, anche se questo non sarebbe mai influito sulla sua valutazione, in cuor suo sperava che Lucipher diventasse capitano.
Non apprezzava la personalità aggressiva di Haziel, temeva che fosse troppo pericolosa in battaglia, e sopratutto lo trovava inadatto al comando.

– Tra un mese attaccheremo la zona a nord del continente Tau, partiremo dal castello di Pliun. Pomeriggio ci troveremo nella sala delle riunioni e discuteremo i dettagli – così dicendo il Generale salutò con un gesto e se ne andò.
– Lucipher cerca di comportarti bene, è la tua occasione – disse sottovoce Dagon all’amico prima di seguire il generale.

– Ci alleniamo con le spade? – chiese Haziel al rivale
– Va bene – rispose Lucipher sorridendogli maliziosamente, nella sua mente già si stava formando un nuovo schema d’attacco.

***

Indice: Peli

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “Peli – 2 – Draghi

  1. Pajiono angeli dal nome, Haziel, lucioher ma sono draghi.
    Le schermaglie sono inziate. Come andrà a finire? Lo sapremo prossimamente su questo schermo.

tiZ On the trAin

(perché un pendolare napoletano sa quando parte, ma non sa quando arriva)

Esco dal Mio Corpo (e ho molta paura)

Blog semi serio di un ciccione che vuole riappropriarsi del proprio corpo.

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Ironiaprimaditutto

ma anche un caffè non sarebbe male _____________just another wordpress.com site lo dici a soreta

Health Sources

Health , Beauty and Food

A Tourist Abroad

Hit the road! Pronti per viaggiare?

mammagisella

Diario virtuale di una tri-mamma abbastanza normale

Armonia del Corpo e della Mente

benessere, natura e psicosomatica

pattykor122's Blog

mai dire mai

mypersonalspoonriverblog®

non al denaro, non all'amore, né al cielo

Astragal

I don't know where I'm going...

Un motivo al giorno per svegliarsi di buonumore

Fin dai tempi delle scuole medie, ho adottato un modo di alzarmi da letto la mattina senza che il peso del risveglio mi annientasse. Si tratta di una cosa semplicissima: come prima cosa al risveglio, penso a qualcosa di positivo che mi attende per la giornata. Niente di impegnativo, il pensiero può anche essere banale, ciò che conta è che mi dia il buonumore! Ho pensato di raccogliere i miei pensieri giornalieri in questo blog, un piccolo riassunto di piccole cose belle, a cui magari attingere nei periodi di affanno…

My Alethεiα

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

PointofView

by Riccardo Moschetti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: