17lastella

Perché la gente ha rinunciato a sperare. E dimentica i propri sogni. Così il Nulla dilaga

Peli – 1 – Draghi

– Mi hanno preso! Mamma! Mamma! Ce l’ho fatta! Diventerò soldato!
– Calmati Mullin. Raccontami cosa ti hanno chiesto. Vieni qui, siediti accanto a me.
Il giovane Mullin si sedette con sua madre Lemure su una panca nel giardino, proprio sotto le rose rampicanti che lei tanto amava.
Lemure si sistemò delicatamente la veste azzurra e mosse con dolcezza le grandi ali rosse in modo da potersi sedere comodamente. I capelli ramati scendevano lungo la schiena fino a sfiorare il terreno. I suoi grandi occhi arancioni guardavano attentamente il figlio che emozionato gli raccontava come aveva superato la selezione.

Mullin era un vivace ragazzino di tredici anni. Possedeva gli stessi occhi profondi della madre, nonchè i capelli ribelli.
Le sue ali rosse si muovevano nervosamente per l’eccitazione. Diventare soldato era sempre stato il suo sogno.
Voleva diventare come il capitano Dagon, il suo idolo.

Spiegò accuratamente a Lemure tutti i passi dell’esame e gli descrisse perfettamente anche il soldato a cui era stato affidato.
Terminato il racconto Mullin salutò con un ampio sorriso la madre e corse verso l’edificio delle Educande per poter vedere sua sorella.
Lemure guardò il figlio allontanarsi. Era diventato grande, stava per lasciare il nido per volare incontro al proprio futuro.
Il suo compito di mamma protettiva era ormai terminato e per lei iniziava una nuova vita.

images

Garuda stava seguendo la lezione di ricamo quando venne chiamata da Eioll, la sua istitutrice, per recarsi nella stanza delle visite.
Appena vide il fratello capì subito che era stato scelto.
Allargò le candide ali bianche e lo avvolse in un caldo , duplice, abbraccio.
– Garuda! Così mi soffochi!- lei lo lasciò e lo fissò negli occhi – Ormai sono grande. Sto per diventare un soldato.
– Sono felice per te fratellino- gli occhi grigi le si riempirono di lacrime. Era sempre stata un drago molto emotivo.- Ora ti trasferirai nell’edificio dei soldati e potrai finalmente conoscere Dagon.
– Certamente e sorellina – il suo sorriso divenne un ghigno – Potrò parlargli di te e convincerlo a sposarti
-Smettila! – Garuda alzò la mano a pugno chiuso fingendo di volerlo picchiare. Poi il suo viso divenne cupo e triste, come una nuvola che oscura il sole. – Ora la mamma sarà sola in quella grande casa.
– Quanto ti manca per l’ingresso in società sorellina?
– Ancora due anni
I draghi facevano il loro ingresso in società all’età di sedici anni.
– Garuda – una voce musicale richiamò l’attenzione della fanciulla. Era Nanael, la sua compagna di stanza. – Eioll mi ha detto di venirti a chiamare- I suoi occhi viola si spostarono su Mullin – Ehi sgorbietto è vero che sei diventato un soldato?
Mullin divenne rosso come i suoi capelli, sbattè le ali violentemente e con un balzo volò via.

Le due ragazze rimaste sole scoppiarono a ridere.

***

Indice: Peli

Navigazione ad articolo singolo

5 pensieri su “Peli – 1 – Draghi

  1. Yesss ! I love Dragons!!!
    Sicuramente hai letto la saga di Anne McCaffrey

  2. Inizio soft per Peli. Vediamo come si evolve questa storia di draghi e umanoidi.

tiZ On the trAin

(perché un pendolare napoletano sa quando parte, ma non sa quando arriva)

Esco dal Mio Corpo (e ho molta paura)

Blog semi serio di un ciccione che vuole riappropriarsi del proprio corpo.

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Ironiaprimaditutto

ma anche un caffè non sarebbe male _____________just another wordpress.com site lo dici a soreta

Health Sources

Health , Beauty and Food

A Tourist Abroad

Hit the road! Pronti per viaggiare?

mammagisella

Diario virtuale di una tri-mamma abbastanza normale

Armonia del Corpo e della Mente

benessere del corpo e dell'anima

pattykor122's Blog

mai dire mai

mypersonalspoonriverblog®

non al denaro, non all'amore, né al cielo

Astragal

I don't know where I'm going...

Un motivo al giorno per svegliarsi di buonumore

Fin dai tempi delle scuole medie, ho adottato un modo di alzarmi da letto la mattina senza che il peso del risveglio mi annientasse. Si tratta di una cosa semplicissima: come prima cosa al risveglio, penso a qualcosa di positivo che mi attende per la giornata. Niente di impegnativo, il pensiero può anche essere banale, ciò che conta è che mi dia il buonumore! Ho pensato di raccogliere i miei pensieri giornalieri in questo blog, un piccolo riassunto di piccole cose belle, a cui magari attingere nei periodi di affanno…

My Alethεiα

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

PointofView

by Riccardo Moschetti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: