Piramidi – ventidue (parte 2)

-Dafne…Dafne tesoro mi senti? Cerca di mangiare qualcosa-
Rowan stava tentando di imboccare l’amica con un cucchiaio, ma alla fine cedette.
-Speriamo solo che non rimanga così a lungo- disse Anara – Aelia come sta?-
-Sta sfidando a duello tutti i cavalieri insigniti con lei. Sfoga il suo dolore lottando -rispose Fianna mentre legava i capelli di Dafne in una treccia.
-Vieni- le disse –andiamo fuori sul prato. Ti farà bene-
Dafne seguì la giovane Sacerdotessa senza replicare, come un bimbo segue la madre.
-Raccolgo le erbe medicinali, Dafne mi vuoi aiutare?-
Ma lei non rispose. Rimase seduta sul prato con lo sguardo fisso.
Durante la sua raccolta Fianna si avvicinò al bosco, allontanandosi un poco da Dafne.
Lei rimase sempre immobile nella posizione in cui era stata messa. Una piccola luce uscì dall’ombra dei rami. Dafne si mosse. Alzò entrambe le braccia e l’accolse nei suoi palmi.
Fianna era talmente attenta al suo lavoro che non si accorse di nulla.
-L’ho trovato – disse a bassa voce Dafne prima di alzarsi e camminare.

clover_dx

-Dove sono?- di colpo ricordai. Quando avevo ricevuto la notizia della cattura di Nicodemus mi ero staccata dal mio corpo per andarlo a cercare. Sapevo che non era morto. Nel mio vagare per l’etere infine l’avevo trovato. Ferito ma vivo. Ora sono tornata nel mio corpo e mi trovo davanti alla Terza Mura.
Rimasi a fissare l’apertura. Sospirai e mi feci coraggio.
Fuori c’erano sterpaglie e cespugli, ma non vidi nemmeno un campo coltivato. Che era successo? Mi avevano sempre spiegato che al di fuori delle mura vi erano le coltivazioni e una fitta foresta. Dov’è? Io vedo solo rocce e sabbia.
Camminai e camminai. Il calore del terreno trapassava i miei sandali. Come mai il sole fuori dalle mura è diverso? Scotta…brucia..fa male.
In lontananza vidi qualcosa muoversi. Mi fermai. Si era proprio un cavallo. Il cavallo di Nicodemus!
Gli corsi incontro e lo presi per le redini. Lo costrinsi a sollevare il muso in modo da guardarmi negli occhi.
-Portami da lui-
Il cavallo nitrì e si mise a camminare. Io lo seguì.

Annunci

Un pensiero su “Piramidi – ventidue (parte 2)

I commenti sono chiusi.