-Dafne!-
Una voce mi raggiunse nel buio.
-Che cosa vuoi udire o sapere?-
-Chi sei tu?- chiesi
-Io sono quel che tu vuoi e dovunque io sono con te-
-Dafne! Dafne!-
… una luce…

-Dafne sveglia! Oh finalmente hai aperto gli occhi!- era Rowan.
Un sogno…allora era stato solo un sogno… mi misi a sedere sul letto nel vano tentativo di svegliarmi.
-Ma insomma che ti prende in questi giorni? –
-Non lo so,continuo fare sogni strani che non capisco e al mattino mi sento così stanca-
-Forse viaggi troppo lontano mentre dormi e il tuo corpo ne risente, prova a parlarne con Anara, magari lei può aiutarti con qualche erba-
-Si hai ragione. Ma basta preoccuparsi per me! Dobbiamo pensare alle nostre piccole che devono affrontare la loro iniziazione-
Erano iniziati i giorni di preparazione al grande evento.
L’aspirante all’iniziazione doveva astenersi dal mangiare carne di animali,  il giorno prima doveva bagnarsi sette volte la testa nelle acque del mare. Simbolo del grembo materno.
Le fanciulle dovevano presentarsi nel tempio colle mani terse ed un cuor puro, così citavano gli scritti. Per questa cerimonia veniva eletto tra le Sacerdotesse più anziane un ministro, detta Hydronos, che purificava le mani facendogliele lavare nell’acqua lustrale posta sotto il portico in una vasca.
Alle aspiranti veniva dato del ciceron, liquore destinato ad indebolirgli le facoltà.
Quando l’aspirante era convenientemente preparato, accompagnato da un iniziato che gli serviva da guida, si portava verso la mezzanotte alla grande piramide, avendo cura di munirsi di una lucerna e dei mezzi necessari per accenderla.

Finalmente il grande giorno era giunto. Io ero stata scelta come guida per accompagnare la prima candidata: Fianna.
Aelia sarebbe stata accompagnata da Rowan e l’ultima della lunga notte doveva essere Nell con Anara.

Annunci