17lastella

Perché la gente ha rinunciato a sperare. E dimentica i propri sogni. Così il Nulla dilaga

Piramidi – nove (parte 1)

Era giunto l’inverno. Le giornate si erano accorciate e faceva buio presto.
Aelia seguiva le lezioni di spada al mattino, mentre al pomeriggio studiava con i Sacerdoti anziani.
Fianna e Nel invece studiavano con le Sacerdotesse anziane fino al primo pomeriggio, dopodichè Fianna andava a lezione da un bardo che gli stava insegnando a suonare l’arpa, mentre Nel affiancava Anara dimostrando molto interesse per la medicina.
Io ero impegnata quasi tutto il giorno a seguire la Grande Sacerdotessa Madre, spesso Rowan mi accompagnava, anche se la sua passione era la legge.
Così, alla fine, non ci vedevamo quasi mai durante il giorno. Solo alla sera ci ritroviamo tutte sedute al tavolo a raccontare avvenimenti della giornata, ad ascoltare le piccole che raccontano le loro avventure e a seguire con attenzione la sognante Anara che parlava del suo amore.

Ben presto iniziò a nevicare.
-Aelia aspetta!- urlai cercando di fermare la piccola che stava per uscire per andare a lezione. –Stanotte è caduta la neve, è meglio che metti questi – e gli passai gli stivali ingrassati.
-Grazie – mi rispose mentre si toglieva i sandali per metterli. –Oggi non vai dalla Grande Sacerdotessa Madre?-
-No e visto che ho poco da fare spalerò un po’ la neve dal viale-
-Io non ho lezione dagli anziani, poi ti darò una mano – e sorrise sapendo già come si sarebbe conclusa la conversazione.
-E va bene … vorrà dire che ci dovremo impegnare a fare un pupazzo di neve più bello di quello dell’anno scorso – e le tirai il cappuccio bene in testa – Adesso vai o farai tardi-
-Si – rispose con un sorriso, si avviò verso la soglia per poi rimanere lì con la porta aperta a fissarmi –Mi accompagni al muretto?-
Io stavo già indossando la mantella pesante per andare a dar da mangiare alle galline e per passare a prendere gli attrezzi per spalare la neve.
-Va bene, ma solo perché oggi ho tanto tempo libero- in cucina erano di turno Edith e Sinirim, Fianna e Nel erano a lezione, non vi erano nemmeno molti ammalati per cui Anara non aveva bisogno di me.

-Però è proprio alta – notò Aelia quando si accorse che la neve le giungeva al ginocchio.
-No è che tu sei piccola – risposi ridendo facendo vedere con un gesto che a me arrivava fino al polpaccio.
-Già, però io diventerò grande e bella tra qualche tempo persino più bella di te! – disse con un tono canzonatorio.
-Ah si? –stetti al gioco – E chi te lo ha detto?-
-Nicodemus-
-Gentile da parte sua – non mi ero mai considerata una bella ragazza, ma sentirmelo dire da un uomo non era affatto piacevole e quando lo incontrai al muretto non gli feci nemmeno un accenno di sorriso.
-Ci vediamo Aelia – salutai la bimba e tornai sui miei passi senza avvicinarmi a Nicodemus.
-E’ arrabbiata la tua Dafne oggi? – chiese.
-No perché?-
-Sembrava particolarmente arrabbiata…  Andiamo ad allenarci- e sorrise nel suo modo particolare.

anime-girl-anime-girls-15198193-1024-819

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “Piramidi – nove (parte 1)

  1. Che bel tipo Nicodemus!

  2. Mi sa che gatta ci cova. Sotto sotto a Dafne fa piacere che Nicodemus abbia detto quelle parole.
    Aspettndo la prossima, ti faccio i miei complimenti.

tiZ On the trAin

(perché un pendolare napoletano sa quando parte, ma non sa quando arriva)

Esco dal Mio Corpo (e ho molta paura)

Blog semi serio di un ciccione che vuole riappropriarsi del proprio corpo.

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Ironiaprimaditutto

ma anche un caffè non sarebbe male _____________just another wordpress.com site lo dici a soreta

Health Sources

Health , Beauty and Food

A Tourist Abroad

Hit the road! Pronti per viaggiare?

mammagisella

Diario virtuale di una tri-mamma abbastanza normale

Armonia del Corpo e della Mente

benessere del corpo e dell'anima

pattykor122's Blog

mai dire mai

mypersonalspoonriverblog®

non al denaro, non all'amore, né al cielo

Astragal

I don't know where I'm going...

Un motivo al giorno per svegliarsi di buonumore

Fin dai tempi delle scuole medie, ho adottato un modo di alzarmi da letto la mattina senza che il peso del risveglio mi annientasse. Si tratta di una cosa semplicissima: come prima cosa al risveglio, penso a qualcosa di positivo che mi attende per la giornata. Niente di impegnativo, il pensiero può anche essere banale, ciò che conta è che mi dia il buonumore! Ho pensato di raccogliere i miei pensieri giornalieri in questo blog, un piccolo riassunto di piccole cose belle, a cui magari attingere nei periodi di affanno…

My Alethεiα

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

PointofView

by Riccardo Moschetti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: