Yo Decido – IO DECIDO

Questo è un blog di racconti, della sua autrice si conosce poco e nulla attraverso queste pagine virtuali.

E’ un blog di storie fantastiche in epoche mai esistite, o che esisteranno, con personaggi immaginari (o forse no). Tutto è in bilico tra fantasia e realtà.

Ma ciò che accadrà domani a  Milano, Bologna, Napoli, Reggio Calabria, Roma è REALE. E ciò che sta avvenendo in Spagna purtroppo non è frutto della fantasia di una mente distorta. E’ reale. E’ un incubo che riguarda noi donne, e non solo.

Perciò oggi esulerò dal mio mondo fantastico per aiutare a promuovere queste importanti manifestazioni.

Yo Decido – IO DECIDO

Il 1° febbraio alle ore 14,30 al Consolato Spagnolo con ritrovo in piazza Cavour.

Noi, Cittadine d’Europa,
manifestiamo in solidarietà alle donne spagnole che si oppongono al progetto di riforma della legge sull’aborto, che smantella la legge Zapatero, autorizzandolo solo in caso di stupro o di grave rischio per la salute fisica o psichica della donna certificato da due medici.
Noi Cittadine d’Europa
Manifestiamo contro il Parlamento Europeo che ha respinto una mozione in difesa dei diritti sessuali e riproduttivi, parte integrante del diritto alla salute.
Noi Cittadine d’Italia
vediamo svuotare di giorno in giorno dall’obiezione di coscienza (per lo più strumentale), la legge che permette un aborto sicuro e gratuito.
Libere di decidere del nostro corpo e della nostra vita, accanto e insieme ai nostri compagni o alle nostre compagne, rifiutiamo di essere sottoposte a trattamenti umilianti che pretendono di decidere al nostro posto se essere madre. Contro chi si appella alla libertà di coscienza per imporre a tutti i propri principi, esigiamo che chi ci governa favorisca l’autonomia morale di ciascuno e garantisca la pluralità e diversità di interessi.

WOMENAREUROPE (Rete di Milano)

cropped-yo-decido-anarkikka

Advertisements

2 pensieri su “Yo Decido – IO DECIDO

  1. Credo che ognuno di noi abbia le facoltà mentali di decidere come utilizzare il proprio corpo e cosa negare. Vale per le donne come per tutti, in materia sanitaria.

I commenti sono chiusi.