17lastella

Perché la gente ha rinunciato a sperare. E dimentica i propri sogni. Così il Nulla dilaga

Piramidi – uno

Non riesco a ricordare il viso di mia madre. L’unica cosa che vedo, se sondo la mia memoria, sono i suoi lunghi capelli biondi.
Mi chiamo Dafne e sono stata portata all’interno della Seconda Mura all’età di circa tre anni.
Era una bella giornata e il sole splendeva alto nel cielo, io ero nel giardino di casa mia e giocavo con una margherita. Mia mamma stava partorendo.
Sono stata portata via dalla Madre Sacerdotessa proprio quel giorno.
Non tutte le bambine vengono prescelte per diventare Sacerdotesse, ma io lo ero stata dalla nascita. Mia madre lo sapeva e come tutte le donne del Continente ne era orgogliosa.
Era un grande onore avere un figlio o una figlia al Tempio,  ovviamente questo mi era stato detto dalle Sacerdotesse.
Non dimenticherò mai i profondi occhi blu della Madre Sacerdotessa quando quel giorno li posò su di me. Mi ricordo che sorrise muovendo lentamente gli angoli delle sottili labbra e mi pose una mano tra gli occhi. Quando si chinò per guardarmi la piccola falce di luna, che teneva sulla fronte, ondeggiò leggermente e il luccichio dell’oro attirò la mia attenzione.
La falce d’oro è il simbolo delle Sacerdotesse Madri, mentre noi Sacerdotesse minori indossiamo una falce d’argento.
La Sacerdotessa Madre mi prese in braccio, io sentii il calore del suo cuore avvolgermi e mi addormentai cullata dal suo passo.
Questo è tutto ciò che ricordo della mia famiglia di origine.
Ora ho superato l’addestramento e la Sacra Prova e sono divenuta Sacerdotessa.
Ora posso uscire oltre la Seconda Mura e camminare per le strade del popolo.
Ora mi domando se riuscirei a riconoscere mia madre se dovessi incontrarla.

rowan

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “Piramidi – uno

  1. Intrigante già dall’inizio!

  2. Chi ben comincia… Lascia un pizzico di curiosità questo incipit. Dafne cercherà sua madre oppure è solo un pensiero confuso?
    Vediamo come si svilupperà la storia.

tiZ On the trAin

(perché un pendolare napoletano sa quando parte, ma non sa quando arriva)

Esco dal Mio Corpo (e ho molta paura)

Blog semi serio di un ciccione che vuole riappropriarsi del proprio corpo.

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Ironiaprimaditutto

ma anche un caffè non sarebbe male _____________just another wordpress.com site lo dici a soreta

Health Sources

Health , Beauty and Food

A Tourist Abroad

Hit the road! Pronti per viaggiare?

mammagisella

Diario virtuale di una tri-mamma abbastanza normale

Armonia del Corpo e della Mente

benessere del corpo e dell'anima

pattykor122's Blog

mai dire mai

mypersonalspoonriverblog®

non al denaro, non all'amore, né al cielo

Astragal

I don't know where I'm going...

Un motivo al giorno per svegliarsi di buonumore

Fin dai tempi delle scuole medie, ho adottato un modo di alzarmi da letto la mattina senza che il peso del risveglio mi annientasse. Si tratta di una cosa semplicissima: come prima cosa al risveglio, penso a qualcosa di positivo che mi attende per la giornata. Niente di impegnativo, il pensiero può anche essere banale, ciò che conta è che mi dia il buonumore! Ho pensato di raccogliere i miei pensieri giornalieri in questo blog, un piccolo riassunto di piccole cose belle, a cui magari attingere nei periodi di affanno…

My Alethεiα

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

PointofView

by Riccardo Moschetti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: