17lastella

Perché la gente ha rinunciato a sperare. E dimentica i propri sogni. Così il Nulla dilaga

Countdown – uno

I Messaggeri di Hermes

I Messaggeri di Hermes

It’s the final countdown
The final countdown
The final countdown
(Europe)

Seduta in biblioteca sorseggio il mio the osservando Donzineth che segue il recupero degli oggetti dal pc.
Da quando Hermes ci ha assegnato i nostri compiti sono tutti in fermento.
Tutti tranne me.
Sonia, Simone e Albert sono andati in visita nella terra delle Foglie d’Argento, dove ora vive Sfera con la sua nuova famiglia, nella speranza di risvegliare al più presto il potere dormiente di Simone.
Elizabeth sta recuperando, in questo preciso istante, un oggetto.
Angela e Seth sono riusciti a isolare due persone generatrici di uomini in nero. Purtroppo non erano pronte per accettare l’esistenza di altri mondi e pertanto Sabbath ha dovuto deviare le loro capacità latenti verso altri obiettivi. Secondo quanto mi avevano raccontato è probabile che svilupperanno doti creative notevoli. Diventeranno musicisti famosi o pittori?
Marc e Hermes sono impegnati a preparare la trappola per il killer, lasciandomi all’oscuro di tutto.
Non mi rimane altro che bere the e lavorare la bar. Fino allo scadere dei tre giorni.
Piuttosto di bar. Devo andare a dare il cambio a Jemina.
Arrivai al bar, mi sistemai dietro al bancone e salutai Jemina che a sua volta correva a dare il cambio a Elizabeth nel recupero oggetti. Tutti davvero impegnati.
Passai il pomeriggio a servire, salutare, sorridere e fare caffè meccanicamente. Si perchè la mia mente non era mai presente. Viaggiava in mondi lontani per poi pensare a ciò che sarebbe accaduto tra due giorni. Questa attesa era snervante e nello stesso tempo speravo non arrivasse mai la luna piena.

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “Countdown – uno

  1. Dopo un breve periodo di silenzio, ritorni con la tua storia fantastica, che sta vivendo un momento di pausa meritata in attesa di nuovi fuochi d’artificioi.

  2. Pingback: I Messaggeri di Hermes | 17lastella

tiZ On the trAin

(perché un pendolare napoletano sa quando parte, ma non sa quando arriva)

Esco dal Mio Corpo (e ho molta paura)

Blog semi serio di un ciccione che vuole riappropriarsi del proprio corpo.

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Ironiaprimaditutto

ma anche un caffè non sarebbe male _____________just another wordpress.com site lo dici a soreta

Health Sources

Health , Beauty and Food

A Tourist Abroad

Hit the road! Pronti per viaggiare?

mammagisella

Diario virtuale di una tri-mamma abbastanza normale

Armonia del Corpo e della Mente

benessere, natura e psicosomatica

pattykor122's Blog

mai dire mai

mypersonalspoonriverblog®

non al denaro, non all'amore, né al cielo

Astragal

I don't know where I'm going...

Un motivo al giorno per svegliarsi di buonumore

Fin dai tempi delle scuole medie, ho adottato un modo di alzarmi da letto la mattina senza che il peso del risveglio mi annientasse. Si tratta di una cosa semplicissima: come prima cosa al risveglio, penso a qualcosa di positivo che mi attende per la giornata. Niente di impegnativo, il pensiero può anche essere banale, ciò che conta è che mi dia il buonumore! Ho pensato di raccogliere i miei pensieri giornalieri in questo blog, un piccolo riassunto di piccole cose belle, a cui magari attingere nei periodi di affanno…

My Alethεiα

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

PointofView

by Riccardo Moschetti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: