17lastella

Perché la gente ha rinunciato a sperare. E dimentica i propri sogni. Così il Nulla dilaga

POV Simone – Mentre loro sono ai Caraibi

I Messaggeri di Hermes

I Messaggeri di Hermes

Ti auguro tempo per trovare te stesso,
per vivere ogni tuo giorno, ogni tua ora come un dono.
(Elli Michler)

<<Allora vi state divertendo?>> Chiesi mentre mi stringevo nel piumino. Uscire dal dolce tepore dell’agenzia al freddo intenso della strada era stato uno shock.
<<Si. Ci stiamo preparando per il pranzo>> ah già! C’erano cinque ore di differenza, qui ormai la mia giornata lavorativa era finita mentre lei aveva ancora un pomeriggio intero di mare.
<<E’ bellissimo qui. Il mare è così limpido e la sabbia bianca…ma questo tu lo sai già!>> rise. Vero, ci ero andata per lavoro molte volte.
La voce di Lily era squillante e allegra. Non la sentivo così da molto tempo. Ero felice per lei.
<<Hai smesso di fare gli incubi?>> mi preoccupavano un po’ quei suoi sogni in cui bruciava tra le fiamme e Marc la osservava impassibile.
<<Si. Sai credo che fossero legati alla storia degli Incubi e Succubi. Non li ho più fatti da quando abbiamo risolto il problema>> confermai la sua ipotesi. Il suo subconscio la stava avvertendo. Dentro di lei, nel profondo, era a conoscenza di ciò che stava accadendo. Non siamo mai ignari delle nostre azioni. Spesso vogliamo semplicemente ignorare le cose, perchè è più comodo. Ma se ci soffermassimo a guardarci dentro, con sincerità e onestà, scopriremmo tante di quelle cose da aver paura del nostro riflesso nello specchio.
Ci salutammo ridendo.
<<Allora si stanno divertendo?>> una voce che non conoscevo attirò la mia attenzione.
Davanti a me c’era un uomo che indossava una giacca in pelle consumata, aperta,  potevo intravedere un maglioncino a V di Calvin Klein. Non potevo sbagliare marca, il mio occhio era infallibile. Ma non aveva freddo?
Poi il mio sguardo si posò sul suo volto e rimasi pietrificata. Avevi i capelli lunghi, spettinati. Rossi.
Non era possibile. Era di nuovo lui?
Lily aveva detto che poteva variare aspetto, più precisiamente età.
Sorrise e mi si gelò il sangue nelle vene. Era proprio lui.
Quella bocca grande e quello sguardo sfacciato erano proprio i suoi.
Senza dubbio.
<<Cosa vuoi?>> strinsi la borsetta, istinto automatico. Anni di vita pendolare in città europee.
<<Ho faticato un po’ a trovarti sai?>> mi si chiuse la gola. Il cellulare. Dovevo chiamare aiuto. Ma lui continuò a parlare io rimasi a fissarlo come se fosse un cobra, mi ipnotizzava <<Quando pensai di trovare un modo per rintracciare la nostra cara Lillith non avrei mai pensato di faticare a trovare te. Stavate sempre insieme>>
Rintracciare? Un modo per rintracciare. Che significava?
<<E invece mi avete creato un bel po’ di grattacapi. Comunque non è per questo che sono qui>>
<<Ripeto la domanda: cosa vuoi?>>
<<Controllare a che punto è il tuo Potere>>
Il mio cosa? Io non avevo poteri come Seth o Sonia. Donzineth mi aveva spiegato le qualità dei Messaggeri. Io non le possedevo.
<<Io non ho poteri>>
<<Che sciocchezza>> rise e si avvicinò a me. Ora troneggiava sopra di me. Per guardarlo dovetti alzare il viso <<Tutti sviluppano i poteri. Non esiste creatura vivente senza il Dono>> e svanì. Così. Nel nulla.

Navigazione ad articolo singolo

3 pensieri su “POV Simone – Mentre loro sono ai Caraibi

  1. Mamma mia, anche Simone!

  2. Mentre Lily si diverte e si rilassa, Simone scopre qualcosa che non si aspettava.
    Ma sarà vero quello che dice il Rosso?
    Nuova curiosità e impazienza di capire il seguito.

  3. Pingback: Reminder | 17lastella

tiZ On the trAin

(perché un pendolare napoletano sa quando parte, ma non sa quando arriva)

Esco dal Mio Corpo (e ho molta paura)

Blog semi serio di un ciccione che vuole riappropriarsi del proprio corpo.

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Ironiaprimaditutto

ma anche un caffè non sarebbe male _____________just another wordpress.com site lo dici a soreta

Health Sources

Health , Beauty and Food

A Tourist Abroad

Hit the road! Pronti per viaggiare?

mammagisella

Diario virtuale di una tri-mamma abbastanza normale

Armonia del Corpo e della Mente

benessere, natura e psicosomatica

pattykor122's Blog

mai dire mai

mypersonalspoonriverblog®

non al denaro, non all'amore, né al cielo

Astragal

I don't know where I'm going...

Un motivo al giorno per svegliarsi di buonumore

Fin dai tempi delle scuole medie, ho adottato un modo di alzarmi da letto la mattina senza che il peso del risveglio mi annientasse. Si tratta di una cosa semplicissima: come prima cosa al risveglio, penso a qualcosa di positivo che mi attende per la giornata. Niente di impegnativo, il pensiero può anche essere banale, ciò che conta è che mi dia il buonumore! Ho pensato di raccogliere i miei pensieri giornalieri in questo blog, un piccolo riassunto di piccole cose belle, a cui magari attingere nei periodi di affanno…

My Alethεiα

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

PointofView

by Riccardo Moschetti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: