killer

I Messaggeri di Hermes
I Messaggeri di Hermes

Sebbene in modo ingenuo. Mi ero reso conto che in quella realtà dove io, Pinocchio, mi sentivo un estraneo, tutto si collegava con tutto attraverso una fitta rete di sofferenza e di piacere. Non esistevano cause insignificanti, qualunque azione provocava effetti che si estendevano fino ai confini dello spazio e del tempo.
(Jodorowsky)

Camminavo facendo attenzione a dove mettessi i piedi.
Aveva smesso di nevicare da qualche giorno ma poi le temperature si erano incredibilmente abbassate e le strade erano lastre di ghiaccio disseminate di sale.
Rabbrividì nel mio piumino mentre mi sistemanvo meglio il cappellino di lana. Erano già le tre del pomeriggio, avevo appena finito il mio turno di lavoro, e faceva veramente veramente freddo.
Sentì il cellulare vibrare nella tasca. Mi tolsi un guanto sentendo l’aria gelida sulla pelle, come tanti piccoli aghi ghiacciati.
Guardai sul display. Marc.
<<Ciao>> una piccola nuvoletta bianca uscì dalle mie labbra.
<<Ciao, hai finito di lavorare?>>
<<Si. Sono per strada tra poco sarò a casa>>
<<E non mi troverai>> sospirò <<Sono in macchina devo fare di nuovo delle foto per la omicidi>> l’allegria nella sua voce si era pian piano spenta. Sentì un brivido percorrermi lungo la spina dorsale.
<<Di nuovo?>>
<<Si>>
<<Vengo con te>> dissi tutto di un fiato
<<No! Non ci pensare nemmeno>> quasi urlò, percepì il panico nella voce.
<<Marc, io non ti lascio andare là da solo. Non di nuovo. Starò in auto buona buona e potrai chiedere ad un poliziotto di controllarmi>>
<<No! Solitamente i killer tornano come spettatori, se ti vedesse…>>
<<Sarebbe meglio no? Invece che continuare a giocare al gatto e il topo. Ti pare? E poi non mi succederà nulla. Tu lo sai. Se è umano i nostri poteri lo feriranno comunque, ti ricordi cosa aveva detto Sabbath poco dopo che avevo scoperto il mio potere? Non potrà farmi del male e almeno lo fermeremo>> (*)
Silenzio.
<<Marc? Guarda che se non torni a prendermi io inizierò a saltare da dimensione a dimensione per cercare di raggiungerti. E lo sai che non ho senso d’orientamento. Così saresti costretto a lavorare con l’ansia di sentirmi in pericolo. E non sto scherzando>> ero decisa ad andare. Non ci sarebbe stato modo di impedirmelo.<<Marc? Mi hai sentito?>>
<<Sto facendo inversione>> disse con tono arrabbiato <<Sei terribilmente testarda quando vuoi>>

***

(*) I Messaggeri di Hermes : Un Nuovo Potere

Annunci

Un pensiero su “killer

  1. La storia continuia a svilupparsi su piani diversi e quasi paralleli.
    Ancora Lily e Marc parlano, discutono ma alla fine Lliy prevale.
    Chi sarà il misterioso killer?

I commenti sono chiusi.