Sabbath il Creatore

I Messaggeri di Hermes
I Messaggeri di Hermes

Mi muovo…ma perchè mi muovo?
E poi..ma cos’ho? Io penso…
Perchè continuo a seguire loro? Perchè nessuno di loro mi vede?
E chi sono loro?
Perchè continuo a muovermi in cerchio?
Mi fermo.
Cos’è quella luce?
E lui chi è?
Mi guarda…mi sorride… mi attrae..
“Vieni”

E’ caldo qui, c’è luce… e poi mi sento.
Che strana sensazione…ma cosa sono le sensazioni?
Una luce abbagliante…
Io ero lì dentro? E’ un uovo, ma se lo tocco non è solido…
Ma cosa significa toccare? E solido?
Cos’è questa cosa?
Cosa sono queste cose lunghe? Sono parte di me?
Non capisco…
“Sono dita”
La stessa voce.
Mi volto… voltarmi? Io sono confusa…
“Ti ho dato un corpo. Vieni piccola ora ti mostro che cosa sei diventata”
Mi guardo. Questo è un corpo?
Sono simile a lui, però in qualcosa sono diversa…
“Tu sei femminile, io maschile”
Lo guardo… ora non sono più quella di prima…ma cos’ero prima? E cosa sono adesso?

Buio.

“Lilith vieni, guarda che bel fiore”
Ho imparato a camminare, è passato del tempo. Così mi ha detto lui. Ma questo concetto di “Tempo” non riesco a comprenderlo.
Ho capito che sono un essere femminile, il suo opposto.
Lui è maschile.
“Vieni Lilith, vieni…ti piace?”
Non capisco ancora cosa intende per “piacere”… io lo seguo perchè lui è il mio creatore…io non so cosa sono nè chi sono…

Buio.

<< Perchè fai tutte queste cose? Questi fiori, come li chiami>>
<< Perchè servono al popolo laggiù Lilith>>
<< Chi è il popolo?>>
<< Sono delle persone che vivono giù dal monte. Hanno bisogno di questi fiori per sopravvivere>>
<< Ci sono altre persone? E come sono? Come me o come te?>>
<< Lilith tu sei come me>>
<< No. Tu fai cose, tu capisci, sai tutto. Io non so niente e non ho poteri come te>>
<< Lilith tu sei più simile a me di quanto tu creda >>

Buio.

<< Voglio andare >>
<< Vuoi entrare nel ciclo delle vite?>>
<< Si. Voglio imparare >>
<< Ma Lilith puoi imparare anche se rimani con me >>
<< No. Sono troppo inferiore a te. Ho bisogno di capire. Lasciami andare>>
<< Oh Lilith che sofferenza… mi lasci >>

Apro gli occhi. Sono nel mio letto. Ho ricordato…. ho ricordato… Sabbath quanto male ti ho fatto!
Piango un po’ stringendo Sfera a me.

Advertisements

6 pensieri su “Sabbath il Creatore

  1. Dimenticavo: complimenti per come scrivi, sei riuscita ad appassionarmi nella lettura di un genere che di solito non è nelle mie corde. Sto leggendo davvero con piacere “I messaggeri di Hermes”. Complimenti!

I commenti sono chiusi.