I Messaggeri di Hermes

I Messaggeri di Hermes

Il primo bucaneve! Finalmente la primavera sta arrivando e l’inverno è quasi passato!
A discapito di quello che avevo appena pensato mi misi in testa il capellino di lana e mi incamminai verso il bar.
Vidi entrare Marc e automaticamente gli preparai il suo cappuccio, mentre a Seth feci il caffè macchiato.
<< Anche la brioches stamattina?>> presi in giro Marc che di solito non mangiava mai.
<< Direi che questa colazione è la mia cena. Ho lavorato tutta notte e sono rientrato solo ora>>
<< Ma sei sempre così preso?>>
<< Oltre che lavorare per l’agenzia e il giornale, faccio anche il fotografo per la Omicidi. Non che ci siano tanti casi da queste parti. Però ogni tanto mi chiamano.>>
<< Che brutto lavoro>> mi venne un brivido a pensare ai cadaveri.
<< E’ un lavoro sporco però qualcuno lo dovrà pur fare>> si alzò dandomi i soldi in mano e si diresse verso la porta.
<< Notte io vado a dormire >> e uscì.

<< Lily pomeriggio dovresti passare da Dozineth>> mi disse Seth mentre gli davo il resto.
<< Ok, ci andrò appena finito il turno>>
La mattinata passò come un normale giorno lavorativo, i soliti clienti. Questa “normalità” mi fece piacere. Finalmente sentivo la primavera in arrivo ed ero contenta.

Verso la fine del mio turno arrivò Simone con David e Albert.
Da quel giorno al mare Albert aveva tenuto fede alla sua promessa, si comportava amichevolmente con me, speravo tanto che si innamorasse di qualche modella dell’agenzia.
Terminai il mio turno e Elizabeth arrivò un po’ prima a darmi il cambio.
<< Almeno riesci a pranzare prima di andare da Dozineth>>
<< Grazie!>> Elizabeth era una donna  molto attenta alle esigenze altrui, lavorare per lei era davvero fantastico.

http://www.nationalgeographic.it/

I Messaggeri di Hermes

<< E’ successa una cosa gravissima, purtroppo una dimensione si sta spegnendo. Non possiamo più fare nulla per impedirlo. Lilith, Jemina. Vorrei che andaste lì per vedere se per caso hanno bisogno di aiuto.>> eravamo nello studio di Dozineth, comodamente sedute sulle poltrone.
<< Ma non è pericoloso? >> chiese Jemina un po’ diffidente.
<< A dire il vero sì. Se per caso vi accorgete che sta per spegnersi la dimensione dovrete tornare subito qui. >>
<< Voi, Marc e Seth invece accoglierete la nuova arrivata>>
<< Un nuovo messaggero?>> chiesi incuriosita. Questa era la prima missione che facevo senza Marc, ero un po’ spaventata all’idea di non avere lui a consigliarmi.
<< Si. Ed è anche una modella dell’agenzia. L’ho incontrata durante le selezioni. Al vostro ritorno la troverete già qui.>>
<< Lei sa già!?>> mi stupì la cosa, Dozineth gli aveva già raccontato tutto senza farle fare un viaggio? L’avrà preso per pazzo.
<< No. Lei è terrorizzata perchè le capitano delle cose strane, che altro non sono che visite. Vi spiegherò meglio al ritorno. Ora andate.>>

Annunci