17lastella

Perché la gente ha rinunciato a sperare. E dimentica i propri sogni. Così il Nulla dilaga

Il cambiamento – 4 parte

I messaggeri di Hermes

I messaggeri di Hermes

<< Tutto bene? >>
<< Si direi di si. Un po’ confusa>>
<< Non si possono spiegare i viaggi, per questo non ti ho detto nulla per prepararti.>>
<< Lo capisco. Se qualcuno mi chiedesse di raccontarlo non ci riuscirei… è così complicato e nello stesso modo semplice… non so spiegarmi>>
<< Non ti preoccupare so cosa vuoi dire. Dai rimettiamoci il casco e andiamo a confermare il buon esito della missione a Dozineth>>

<<…e con questo ti abbiamo detto tutto>>
Sedavamo nelle poltrone con la nostra tazza di the in mano. Arrivati alla casa c’era già Elizabeth ad attenderci. Sul monitor, identico a quello presente nell’appartamento di Marc, aveva visto il buon esito dell’operazione, l’anomalia era scomparsa.
<< E così piccola Lily hai incontrato Lui per la prima volta, e ti sei comportata bene>>
<< Solo perché c’era Marc, da sola non sarei stata capace di fare nulla>>
<< Non demoralizzarti è normale. Le prime missioni non si possono fare da soli. Oltretutto come avrai notato non è possibile spiegare cosa troverai di là…non ci sono parole adatte. Bisogna andarci di persona>>
<< Si l’ho capito>>
Sono ancora così scossa, tutto sembra irreale. Sono dibattuta tra accettare l’esperienza appena vissuta o rifiutarla relegandola, nella mia testa, ad un sogno. Magari dettato da chissà quale sostanza allucinogena.
<< Bene. Ora direi che è il caso di andare tutti a letto. Domani si lavora!>>
La voce di Elizabeth mi destò dai miei pensieri. Si avvicinò a me, mentre mi alzavo dalla poltrona, e mi toccò delicatamente il braccio.
<< Non preoccuparti, domani fai il turno del pomeriggio. Ti sentirai a pezzi. Hai bisogno di riposare>>
<< Comunque se per caso dovessi sentirti male chiamaci subito, e se ti accorgi che c’è qualcosa che non va corri subito da uno di noi. >>
<< Certo Dozineth lo farò.>>

Navigazione ad articolo singolo

I commenti sono chiusi.

tiZ On the trAin

(perché un pendolare napoletano sa quando parte, ma non sa quando arriva)

Esco dal Mio Corpo (e ho molta paura)

Blog semi serio di un ciccione che vuole riappropriarsi del proprio corpo.

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Ironiaprimaditutto

ma anche un caffè non sarebbe male _____________just another wordpress.com site lo dici a soreta

Health Sources

Health , Beauty and Food

A Tourist Abroad

Hit the road! Pronti per viaggiare?

mammagisella

Diario virtuale di una tri-mamma abbastanza normale

Armonia del Corpo e della Mente

benessere del corpo e dell'anima

pattykor122's Blog

mai dire mai

mypersonalspoonriverblog®

non al denaro, non all'amore, né al cielo

Astragal

I don't know where I'm going...

Un motivo al giorno per svegliarsi di buonumore

Fin dai tempi delle scuole medie, ho adottato un modo di alzarmi da letto la mattina senza che il peso del risveglio mi annientasse. Si tratta di una cosa semplicissima: come prima cosa al risveglio, penso a qualcosa di positivo che mi attende per la giornata. Niente di impegnativo, il pensiero può anche essere banale, ciò che conta è che mi dia il buonumore! Ho pensato di raccogliere i miei pensieri giornalieri in questo blog, un piccolo riassunto di piccole cose belle, a cui magari attingere nei periodi di affanno…

My Alethεiα

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

PointofView

by Riccardo Moschetti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: