17lastella

Perché la gente ha rinunciato a sperare. E dimentica i propri sogni. Così il Nulla dilaga

#11. Buongiorno

Il mondo visto attraverso la mente di due persone. Totalmente opposte. Cleo&Leo

***
Il sole filtra tra le tapparelle.
Tornare a casa dopo quello che ci siamo detti,
i piani, i disegni,
stordisce.
Mi sono risvegliata e sono un altra donna.
Non più Cleo.
Ma sempre Cleo.

Passo la mano sulla barba che spunta.
Punge.
Mi muovo sotto le lenzuola.
 Il mio letto.
Casa.
Allungo la mano e tocco la mazza da baseball che tengo vicino al letto.
Tutto ok.
Apro un occhio.
E’ ora di alzarsi e di iniziare questa nuova giornata.
C’è da fare.

***

Info sul racconto e indice: Cleo&Leo

#sogni #Estate

Le colonne sono rosso carminio, il color preferito del Patrigno.
Corro per le scale rischiarate del fuoco delle torce accese.
Sono rossa in volto, col fiato corto.
Lui mi insegue.
Dalla Torre son fuggita.
E giù nei sotterranei sto andando.
Sempre più vicino. Sempre più vicino.
Sento la sua mano sfiorarmi i capelli sciolti.
Gli sfuggo.
Al centro della sala una colonna spezzata con la mia corona.
Di cristallo è fatta. Azzurra risplende, nel rosso e nel nero.
La prendo, mi volto.
Lui è lì.
Col suo mantello rosso.
La spada sguainata.
Gli occhi iniettati di sangue.
Il viso una maschera di furore e pazzia.
Il Gargoyle di pietra, che di pietra non è, lo scaraventa lontano.
Il lupo mannannaro, che invece di pietra è, lo atterra.
Al mignolino porta un anello di rame, enorme, con una sfera che racchiude un cielo stellato.
Mi guarda, l’uomo lupo, e mi incita a fuggire.
Così scappo.
Risalgo alla luce diurna.
Tutto è colore.
Bianco, azzurro, rosa.
Un auto mi aspetta.
Il Lupo la guida, ma lupo non è.
E’ un uomo.
Mi porta alla casa della nonna di Cappuccetto Rosso.
E lì ritrovo i miei tre fratellini, i tre porcellini che maialini non sono.
Finalmente mi addormento in una camera bianca e lontano sento il mare.

Penichella #Estate

Migale 004

immagine presa dal web

Le cicale che stridono.
Il silenzio dell’appartamento.
Il sole che filtra dalle tapparelle.
La brezza che muove lentamente la tenda.
Pian piano mi assopisco.
Sento qualcosa che mi sfiora.
Mi muovo appena.
Il sonno sta calando su di me.
Un solletico sul braccio.
Socchiudo appena le palpebre.
Vedo qualcosa di colorato che si muove.
Un pezzo di stoffa.
Viene trascinato sul copriletto.
Apro gli occhi stordita.
Un ragno nero, grosso, peloso, sta trascinando pezzetti di stoffa.
Stoffa che appartiene ad un mio vestito.
Corre e salta giù dal letto e si infila nell’armadio.
Paralizzata.
Terrore.
Ribrezzo.
Devo fare qualcosa.
Il ragno esce di nuovo.
Salto giù dal letto e corro in anticamera.
Lui mi segue.
Brivido.
Prendo il catino azzurro dal bagno e lo lancio per catturarlo.
Lo colpisco e qualcosa si stacca dal suo corpo.
Sono terrorizzata.
Adesso tenterà di mordermi.
Dietro di me sento mia mamma entrare in corridoio:
E’ inutile che tenti di catturarlo. Quel ragno si è nutrito del mio sangue.
E’ come se fosse tua sorella
Apro gli occhi di colpo.
Il cuore in gola.
Le cicale che stridono.
Il silenzio.
Il sole che filtra tra le tapparelle.
E le tende che si muovono nella brezza.

#10. Artigli

Il mondo visto attraverso la mente di due persone. Totalmente opposte. Cleo&Leo

***

Il problema è che ci stiamo comportando da vittime.
Lui gode perchè siamo prede. Capisci?
Lui tace ma annuisce. Mi ascolta attento.
E noi dobbiamo farglielo credere fino in fondo.
Il trucco è nel fingere, mentre in realtà organizziamo una contromossa

L’ascolto estasiato. La sua idea è buona. Ottima.
E mentre parla muove le mani, come se le parole fossero fili di fumo e si intrecciassero tra le sue dita. E tutto prende forma. I dettagli sono squisiti, pieni di particolari. La sua mente è un orto ricco di prelibatezze.
Lo sguardo è acceso. Le guance colorate.
Sa il fatto suo la ragazza.

87f4e4a0295cee9f2ab88c4e379f714e

Immagine presa dal web

***

Info sul racconto e indice: Cleo&Leo

#9. Pace

Il mondo visto attraverso la mente di due persone. Totalmente opposte. Cleo&Leo

***

Ti sei svegliata presto
La sua voce non mi fa sobbalzare, nonostante non l’abbia sentito avvicinarsi.
Mi sto abituando alla sua presenza.
Incredibile come uno perfetto sconosciuto possa diventare una presenza rassicurante. Familiare.
Non mi volto a guardarlo.
Continuo ad osservare i cavalli che camminano nella nebbia.

Avvolta dalla coperta. Davanti alla vetrata aperta.
Sguardo assente.
Non si spaventa anche se non mi ha sentito arrivare.
Mi fa piacere notare questa cosa.
Guarda” mi dice “gli ultimi due cavalli sulla destra, sembrano chiaccherare

@nationalgeographic

@nationalgeographic

***

Info sul racconto e indice: Cleo&Leo

#Friends #Bassista #Metal

ciao,
oggi scrivo questo post solo a scopo pubblicitario per aiutare un amico in cerca di un nuovo bassista per la sua band.
A breve avranno due concerti importanti.
Qualcuno è interessato?

Buona giornata a tutti!

locandina

ciao

Ciao cari lettori,
no non sono sparita.
Scrivo ancora, un po’ a singhiozzo, quando riesco, quando posso, quando…
quando la vita mi fa prendere un attimo di fiato e mi concede di entrare nel mondo parallelo dei personaggi dei racconti. E di sbirciare nelle loro vite.
Se vi annoiate un po’ nell’attesa potete sempre venire a leggere l’altro mio blog :-)

CondominioFelice

yokie_45

#8. Monastero

Il mondo visto attraverso la mente di due persone. Totalmente opposte. Cleo&Leo

***

Era il mio primo viaggio in moto.
Scesi con le gambe tremanti.
Mi tolsi il casco per respirare e rimasi lì a fissare il monastero che si vedeva sull’altra collina.

La guardai togliersi il casco e sentì lo stomaco stringersi.
Mi voltai di colpo.
Non mi sembrava il caso di prendere una cotta ora vista la situazione.
Guardai la collina di fronte.
Quello è il monastero dove sta mia zia. Di sicuro lì non ci potrà seguire
Le sorrisi.
Lei mi guardò. Annuì e rispose al mio sorriso.

***

Info sul racconto e indice: Cleo&Leo

#7. Reazioni

Il mondo visto attraverso la mente di due persone. Totalmente opposte. Cleo&Leo

***

Senti ho un’idea.
Mi soffia nell’orecchio.
Incredibilmente riesce a calmare i miei nervi.
Ci serve un posto dove possiamo parlare. Sicuro
Le nostre case sono da escludere. Dove possiamo andare?
Poi un’immagine nella mia mente.

Gli metto una mano sulla spalla e, in punta di piedi, mi avvicino al suo orecchio.
Così il killer non potrà sentirmi. Nascondo un po’ il viso coi capelli.
E nemmeno può leggere il labiale.
Senti ho un’idea
Sussurro.
Sento le sue spalle rilassarsi sotto la mia mano.
Ha capito.
Poi il suo viso si illumina.
Si volta di colpo.
Quasi cado dallo spavento.
E mi dice:
Prepara una borsa da viaggio piccola. Vestiti comoda. So dove andare

***

Info sul racconto e indice: Cleo&Leo

#6. Inutile – Cleo&Leo

Il mondo visto attraverso la mente di due persone. Totalmente opposte. Cleo&Leo

***

Esco correndo dal bar.
Non può essere andato lontano.
Deve essere qui da qualche parte ad osservarci.
Un uomo passeggia col cane.
Una coppia litiga per strada.
Una signora anziana cammina scuotendo la testa e parlando fa sé.
E’ inutile
Mi dice lei.

E’ un killer seriale.  Gli piace giocare.
E’ evidente.
Guardo la foto che stringo tra le dita.
Leo scruta la via in cerca dell’uomo.
E’ furbo.
E’ impossibile trovarlo così.
Siamo prede.
Vittime.
No.
Non accetto questa situazione.
Lui è furbo?
Bene.
Dobbiamo studiare un piano e fregarlo.
Insomma anni di Criminal Minds mi avranno insegnato qualcosa?
E’ inutile” gli dico.
Lui si volta. Mi fissa.
Stringe i pugni.

***

Info sul racconto e indice: Cleo&Leo

Navigazione articolo

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna… punito perché vede l’alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

unpizzicodidragoncellotritato

Donne protagoniste nella storia del pensiero

wwayne

Just another WordPress.com site

fataTatuata

Aprite quella gabbia ... !

Le Hérisson

Appunti criptici di una Sfinge in erba

The Hot Mess Blog

Mainly a hot mess, but hopefully my thoughts can inspire you to become a better version of yourselves!

NonInUnDemoneSolo

Nonìn, tranquillo, sarai sempre un demone...

Nel giardino segreto

...che è in ognuno di noi

Micrologio

Minima Maxima Sunt

BACI DI DOLCEZZA

La vita è come il cioccolato, è l’amaro che fa apprezzare il dolce. (Xavier Brébion)

Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

c'è una filo di nostalgia che si allinea su tutta la linea del collo e mi estingue la parola / intanto ansimo

Niphus

La fine è solo un altro inizio

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

●○•°La mia mente è un turbinio di parole sparse che cercano un senso°•○●

TUTTE LE COSE AL LORO POSTO

Sospesi e oltre esistiamo. Basta crederci e nel credere a ciò che non si vede sta il fondamento dei legami più veri.

Libri Di. Cioccolato

"Leggere un libro non è uscire dal mondo, ma entrare nel mondo attraverso un altro ingresso."

Libera-mente

Non si tratta di dare risposte e soluzioni. Il nostro fine è quello di offrire stimoli di riflessione, sollevare dubbi, far nascere la voglia di informarsi, intrattenere in modo intelligente

Alessio Fabbri

Scrivo, penso, e poi scrivo ancora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 356 follower